Laici Teatri

Quartiere Borgo Panigale - Reno
Navile
Porto - Saragozza
San Donato - San Vitale
Santo Stefano
Savena

Teatri laici, plurali, in cui le diversità sono una ricchezza e un valore. Il progetto ha l’obiettivo di smontare i pregiudizi attraverso un percorso di laboratori, di produzioni teatrali e forme artistiche dentro e fuori dal carcere che hanno come protagonisti persone che vivono situazioni di disagio sociale ma in relazione ad altri cittadini, creando un ponte tra generazioni e culture  diverse e facendosi parte attiva nella costruzione di una comunità. Una nuova tappa innovativa delle attività del Teatro del Pratello che si sviluppa lungo quattro direttrici: Teatro Comunità, Teatro e Carcere, Teatro e Giustizia minorile, Teatro Civile.

Il progetto di Teatro Comunità si chiama Visioni di lavoro e attraverso laboratori di fotografia, scrittura, video, performance coinvolgerà carcere, istituti superiori, istituti di formazione lavoro, per aprire un confronto e differenti punti di vista sul tema del lavoro. Il Teatro Carcere è un nuovo laboratorio permanente di teatro e scrittura presso la Sezione femminile della Dozza, che porterà alla produzione di uno spettacolo.

Teatro e Giustizia minorile è rivolto a minori in carico ai servizi della Giustizia Minorile per l’attivazione di laboratori di teatro, scrittura e scenografia e la realizzazione di spettacoli. Il progetto di Teatro Civile si chiama Voci e, partendo da date anniversarie, mette al centro i temi legati alla memoria e la relazione tra il contemporaneo ed eventi storici attraverso laboratori di storia, musica, arte e teatro.

Il progetto prevede anche un’azione innovativa di narrazione partecipata: all’interno di ogni attività laboratoriale verranno individuati due “narratori” tra i partecipanti che, guidati da un esperto di storytelling, realizzeranno un diario dell’esperienza fatto di testi, immagini, riprese video, che racconterà le diverse attività.

 

Luogo: tutti i quartieri

Ente capofila: Teatro del Pratello

Obiettivi: Accrescere e consolidare il senso di comunità, abbattere i pregiudizi e sviluppare processi positivi nelle persone attraverso la condivisione, creando un ponte tra comunità diverse: tra i frequentatori dei centri sociali e i minori in carico ai servizi della Giustizia Minorile; tra studenti e insegnanti delle scuole del territorio e operatori di volontariato; tra luoghi di reclusione e i luoghi della cultura cittadina. Ma anche sviluppare spazi fisici o ideali dedicati alla cultura e all’arte in luoghi di marginalità ed esclusione sociale offrendo opportunità di incontro con il teatro, l’arte, la scrittura, la lettura e la cultura più in generale e promuovendo pratiche positive di incontro tra la cittadinanza e il carcere. Il teatro e l’arte come dimensioni del welfare e di sensibilizzazione: veri e propri strumenti di rigenerazione per ricreare legami sociali e comunitari là dove si soffrono di più il disagio e l’emarginazione sociale. Il progetto prevede anche l’assunzione lavorativa di giovani e adulti in condizioni di fragilità sociale in eventi e spettacoli, riconoscendo nella sperimentazione dell’esperienza lavorativa un valore aggiunto.

Qui il bando attraverso cui è stato selezionato il progetto

Il progetto aderisce alle linee guida del patto Insieme per il lavoro

Conseguentemente all’applicazione delle misure di contenimento per il COVID19, sono state avviati dei laboratori di scrittura on line per i progetti VOCI e VISIONI DI LAVORO e attività a distanza con le detenute del carcere “Dozza” di Bologna.

 

 

 

Sei interessato a questo progetto?

I progetti di Scuole di Quartiere sono aperti a tutti

Se vuoi chiedere informazioni o partecipare alle tante iniziative realizzate in tutti i quartieri della città, puoi metterti in contatto con i referenti dei progetti

Ultime notizie sul progetto

22/01/2021

Giornata della Memoria. Letture online dal testo “Eichmann. Dove inizia la notte”

In occasione della Giornata della Memoria e nell’ambito del progetto VOCI 2021/1961 IL PROCESSO EICHMANN, Laici teatri presenta letture online su piattaforma Zoom di brani dal testo Eichmann. Dove inizia la notte. Un dialogo fra Hannah Arendt e Adolf Eichmann di Stefano Massini (Fandango editore). l’evento è in programma lunedì 25 gennaio 2021 alle ore 18.00 Lettura a cura del Teatro… Leggi tutto »Giornata della Memoria. Letture online dal testo “Eichmann. Dove inizia la notte”

04/01/2021

Scrittura al femminile e laboratorio di arti visive. Partono due nuovi corsi a cura del Teatro del Pratello

Partono a gennaio due nuovi laboratori all’interno del progetto Laici Teatri, a cura del Teatro del Pratello Passaggio di testimoni – Laboratorio di scrittura online tutto al femminile  condotto da Viviana Santoro e Marzia Bisognin/Associazione Il Melograno per il progetto “VOCI 2021/1961 IL PROCESSO EICHMANN” Il progetto di educazione permanente VOCI, da sette anni, pone… Leggi tutto »Scrittura al femminile e laboratorio di arti visive. Partono due nuovi corsi a cura del Teatro del Pratello

18/12/2020

“Intorno alla banalità del male”. Parte il laboratorio di scrittura online sul processo Eichmann

Parte il laboratorio di scrittura online “Intorno alla banalità del male” sarà condotto da Viviana Santoro e Maddalena Pasini per il progetto VOCI 2021/1961 Il processo Eichmann, e sarà online su piattaforma MEET e aperto a tutti. Il progetto di educazione permanente VOCI, da sette anni, pone al centro delle sue attività l’incontro tra generazioni diverse, all’interno… Leggi tutto »“Intorno alla banalità del male”. Parte il laboratorio di scrittura online sul processo Eichmann

02/12/2020

Gli imperdonabili. Parte il laboratorio di scrittura online sul perdono

Parte un nuovo laboratorio di scrittura online. Si chiama GLI IMPERDONABILI: un percorso intorno al tema del “perdono”, uno dei temi al centro delle prossime produzioni di teatro-carcere del Teatro del Pratello. Dal 18 dicembre al 29 gennaio tutti i venerdì, dalle ore 17.00 alle ore 18.30 sulla piattaforma meet e su classroom, aperto a… Leggi tutto »Gli imperdonabili. Parte il laboratorio di scrittura online sul perdono

12/11/2020

L’invenzione del Medio Oriente. Dal 15 novembre online il video-spettacolo

L’invenzione del Medio Oriente è lo spettacolo conclusivo del progetto VOCI. Inizialmente previsto per lo scorso 25 aprile 2020 in Sala Borsa, poi annullato a causa dell’emergenza sanitaria, lo spettacolo è stato riprogrammato per il prossimo 15 novembre, sempre in Salaborsa, e di nuovo annullato a seguito del DPCM del 24 ottobre. Il 15 novembre verrà… Leggi tutto »L’invenzione del Medio Oriente. Dal 15 novembre online il video-spettacolo

07/11/2020

“Prove a distanza. Le detenute-attrici portano il teatro in radio. La playlist delle puntate

Le detenute della Sezione Femminile della Casa Circondariale di Bologna hanno portato in radio il loro spettacolo teatrale, “Figlie di Lear”, che vi avevamo raccontato qui. L’attività teatrale alla Dozza, sospesa da febbraio 2020, è proseguita nei mesi primaverili con “Prove a Distanza” , rubrica radiofonica settimanale andata in onda nel periodo del Lockdown su… Leggi tutto »“Prove a distanza. Le detenute-attrici portano il teatro in radio. La playlist delle puntate

20/01/2020

Laici Teatri. Intervista a Paolo Billi, direttore artistico del Teatro del Pratello

“Il teatro non serve a niente. O meglio, serve quando non serve”. Paolo Billi, direttore artistico del Teatro del Pratello, continua a ripeterlo da vent’anni. Dal 1998 cura il progetto di Teatro Carcere, prima con i ragazzi dell’Istituto Penale Minorile, poi anche con quelli in carico ai servizi della Giustizia Minorile. Fu anche il primo,… Leggi tutto »Laici Teatri. Intervista a Paolo Billi, direttore artistico del Teatro del Pratello

10/01/2020

Il Teatro del Pratello e “Le orme dei figli”, la prima tappa del progetto Laici Teatri

La scena al pubblico appare chiusa da un tulle su cui sono proiettate in trasparenza le immagini che scandiscono lo spettacolo intero: disegni di impronte, acque, arabeschi. Uno scuro pendio grigio, fortemente inclinato, su cui rampicarsi, stare in equilibrio, rotolare, scivolare, cercare e lasciare orme: metafora di una condizione in cui non esistono più tracce… Leggi tutto »Il Teatro del Pratello e “Le orme dei figli”, la prima tappa del progetto Laici Teatri