Quartiere Borgo Panigale - Reno
Navile
Porto - Saragozza
San Donato - San Vitale
Santo Stefano
Savena

Così sarà! La città che vogliamo

Tre prestigiosi riconoscimenti al Teatro dell’Argine per Politico Poetico

Tre prestigiosi riconoscimenti al Teatro dell’Argine per Politico Poetico: il Premio Speciale Ubu 2020-21, assegnato lunedì 13 dicembre 2021 a Riccione, il Premio Rete Critica e il Premio Innovatori Responsabili – categoria Diritti e Doveri 1° classificato e Vincitore Premio Ged – Gender equality & diversity, conferito dalla Regione Emilia-Romagna.

«Con Politico Poetico, il Teatro dell’Argine ha saputo mettersi in ascolto di desideri, talenti e fragilità di ragazzi e ragazze dai quattordici ai vent’anni. Coinvolgendo oltre cinquecento adolescenti del territorio bolognese, il gruppo di lavoro guidato da Nicola Bonazzi, Micaela Casalboni, Vittoria De Carlo e Andrea Paolucci ha dispiegato una portentosa macchina organizzativa per realizzare un imponente progetto in due parti: Il Parlamento, una serie di azioni sui temi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, che ha coinvolto i giovani in riflessioni e ricerche su ambiente, lavoro, economia, disuguaglianze, città, comunità, pace e giustizia; e Il Labirinto, spettacolo in realtà virtuale che raccoglie quattordici esperienze visive e sonore a testimonianza del lato più critico del rapporto tra giovani e città. Dopo i pluripremiati progetti Le Parole e la Città (finalista agli Ubu 2015) e Futuri Maestri, esplorando luci e ombre di un’età difficile e meravigliosa Politico Poetico corona un percorso lungo vent’anni durante il quale il Teatro dell’Argine ha portato con ostinazione, sensibilità e competenza il teatro fuori dal suo spazio deputato, per farlo detonare nell’intera comunità». Questa la motivazione con cui Politico Poetico ha vinto il Premio Ubu.

«Dopo due anni come quelli appena passati» dichiara la direzione artistica del Teatro dell’Argine «questo premio così importante non ha solo il valore del riconoscimento da parte della comunità teatrale, ma ci restituisce inoltre il senso di un fare teatro nella polis, che può ricucire gli strappi, mentre crea bellezza e possibilmente un’arte nuova, capace di visione, di poesia e innovazione e altresì capace di guardare con amore al mondo e a chi lo abita. Inutile dire che il progetto sarebbe stato irrealizzabile senza l’apporto imprescindibile di tutta la squadra Argine – artistica, tecnica, organizzativa, amministrativa – di tutta la rete di partner e collaboratori istituzionali e privati, dei più diversi ambiti e settori, delle scuole, degli insegnanti, dei dirigenti, e soprattutto dei ragazzi e delle ragazze, sopravvissuti, come noi, tenaci seppur sofferenti e pronti a costruire un futuro migliore. Questo premio è dedicato a loro».

Foto di Davide Saccà

Politico Poetico è un progetto di teatro e cittadinanza attiva, rivolto a ragazzi e ragazze dai 14 ai 20 anni, sui temi dell’Agenda 2030 e sulle fragilità dell’adolescenza. L’intero percorso, da novembre 2019 a giugno 2021, si è sviluppato in due azioni attraverso le quali il Teatro dell’Argine ha voluto mettere al centro gli adolescenti: il Parlamento (laboratori, incontri, eventi) e Il Labirinto (spettacolo post-teatrale in realtà virtuale).

Il Parlamento ha visto protagonisti in due anni oltre 800 studenti e studentesse di Bologna e città metropolitana che grazie a percorsi laboratoriali nelle scuole, hanno realizzato oltre 400 proposte concrete per il domani partendo da un’unica domanda: “Cosa posso fare io, oggi, nella mia città, nella mia scuola, nel mio quotidiano per costruire un futuro più sostenibile?”. Le proposte, sviluppate a partire dai 17 goals dell’Agenda 2030, su temi quali ambiente, lavoro ed economia, disuguaglianze, città e comunità, pace e giustizia, sono state raccolte in un sito interattivo a disposizione di tutti, presentate attraverso un’installazione in Piazza Maggiore, e in seguito sintetizzate in Cinque lettere alla città consegnate alle istituzioni e alla cittadinanza.

Il Labirinto, invece, spettacolo in realtà virtuale sulle fragilità dell’adolescenza, ha voluto dar voce a quell’adolescenza spesso non vista o dimenticata, trattando temi come violenza sui minori, bullismo, autolesionismo, depressione e dipendenze attraverso 14 storie di giovani e giovanissimi in situazione di difficoltà, scritte a partire da interviste con realtà che sul territorio si occupano di ragazzi e ragazze in stato di disagio o pericolo.

Il Teatro dell’Argine con Politico Poetico ha voluto mettere al centro l’adolescenza di oggi con le sue necessità, con le sue difficoltà e con le sue visioni, dando voce a giovani cittadini e cittadine per costruire un futuro più sostenibile e ha voluto indagare quell’adolescenza che non riesce a realizzarsi nei percorsi convenzionali o che è protagonista di vicende di cui nessuno, tranne pochi, sono a conoscenza.

Politico Poetico è parte di Così sarà! La città che vogliamo, progetto all’interno delle Scuole di Quartiere, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, promosso da Comune di Bologna, cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020.